Il caso Sala: la firma sul bilancio Expo lo rende ineleggibile

Il giurista Marini: “Si è dimesso da commissario, ma ha continuato a esercitarne i poteri. Per la legge è in carica, non può fare il sindaco”
Il caso Sala: la firma sul bilancio Expo lo rende ineleggibile

Un gomitolo – Carlo Emilia Gadda direbbe gnommero – avvolge Giuseppe Sala. Gioca tre ruoli in partita: candidato sindaco, commissario Expo, consigliere di Cassa Depositi e Prestiti. Difficile districare i tre fili in cui si è aggrovigliato. “Ho dato le dimissioni da commissario Expo il 10 gennaio”, sostiene l’aspirante primo cittadino del centrosinistra a Milano. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.