Un gomitolo – Carlo Emilia Gadda direbbe gnommero – avvolge Giuseppe Sala. Gioca tre ruoli in partita: candidato sindaco, commissario Expo, consigliere di Cassa Depositi e Prestiti. Difficile districare i tre fili in cui si è aggrovigliato. “Ho dato le dimissioni da commissario Expo il 10 gennaio”, sostiene l’aspirante primo cittadino del centrosinistra a Milano. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

L’invasione degli ultra-Renzi (nelle tv)

prev
Articolo Successivo

La nomina cosmetica della “donna” Boschi

next