“Il buonismo democristiano è finito persino sui palchi”

La band annuncia il tour estivo: “Poche date, ma due ore di circo L’impegno non è démodé e, dopotutto, anche non parlare di politica è un atto politico”
“Il buonismo democristiano è finito persino sui palchi”

Difficile con quel nome – Lo Stato Sociale – rifuggire dall’etichetta di “artisti politici”. Sia chiaro, loro detestano le etichette, a partire da quella di “musicisti indie” contrapposti a un altrettanto generico “mainstream”, ma non esitano a sbilanciarsi sul presente e dintorni: “Fare cultura è sempre un atto politico: esprimersi davanti ad altre persone è […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.