Hooligan, gay, terrore jihad: Putin e l’ossessione security

Lo zar mette in campo cosacchi, le truppe speciali degli Spetsnaz e le Forze armate per prevenire il dissenso (e gli attentati)
Hooligan, gay, terrore jihad: Putin e l’ossessione security

Lunedì 4 giugno: -10 al D-Day, la partita inaugurale Russia-Arabia Saudita. Allarme di Kasperski Lab: più del 20 per cento dei servizi di connessione nelle città che ospitano le partite mondiali “presentano criticità per la cybersecurity”. Le reti spesso non sono criptate, “potrebbero essere prese di mira dagli hacker”. La più esposta ai raid dei […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.