“Fu l’inizio di una nevrosi e non siamo ancora guariti”

“La morte di Moro ha cambiato il corso della storia d’Italia La verità è mutilata, ma il suo fantasma è nella coscienza collettiva”
“Fu l’inizio di una nevrosi e non siamo ancora guariti”

La morte di Moro fu un trauma. L’inizio di una nevrosi collettiva”. Miguel Gotor, storico e senatore del Pd, ha studiato le carte degli ultimi 55 giorni di vita del presidente democristiano. Ne ha scritto due libri: Lettere dalla prigionia e Il memoriale della Repubblica. Le definisce “pagine che grondano sangue”. Perché attorno a quei […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.