» Cronaca
sabato 21/04/2018

Ilaria Alpi, le carte sparite e poi riapparse dopo 5 anni con la telefonata che incolpa “gli italiani”

Le intercettazioni inedite di tre somali: “40 mila dollari del governo africano per la difesa di Hassan”, in cella ingiustamente
Ilaria Alpi, le carte sparite e poi riapparse dopo 5 anni con la telefonata che incolpa “gli italiani”

È un gioco di specchi, di testimoni falsi, di carte che spariscono e riappaiono. Sono passati 24 anni dal 20 marzo 1994, quando l’inviata Rai Ilaria Alpi e il suo operatore Miran Hrovatin rimasero uccisi in un agguato a Mogadiscio, in Somalia. Una montagna di carte raccolte nel corso di inchieste, processi finiti con la condanna di un innocente, un ginepraio di ipotesi e l’ombra del depistaggio, evocata apertamente dalla recente sentenza della corte di Appello di Perugia, intervenuta nella revisione della sentenza contro il somalo Hashi Omar Hassan, dichiarato innocente dopo 17 anni di carcere.

E ora, quando il Gip di Roma sta per decidere su una richiesta di archiviazione, appare una nuova pista. O meglio, l’ombra di nuovi indizi, che però arrivano con cinque anni di ritardo. Un tempo inspiegabile.

Quando il 17 aprile scorso si è aperta la camera di consiglio del Giudice per le indagini preliminari la Procura di Roma ha sorpreso tutti depositando nuovi atti. Si tratta di una informativa della Guardia di Finanza di Firenze del dicembre 2012, con la trascrizione di alcune telefonate tra somali. Tre sono i protagonisti. C’è il gestore di un money transfer di Birmingham, città inglese con una forte presenza delle comunità del Corno d’Africa, che chiama il suo corrispondente, anche lui somalo, gestore di un centro di trasferimento di fondi nel cuore di Firenze, a pochi passi dalla stazione di Santa Maria Novella. I due sono coinvolti in un’indagine ampia della Dda fiorentina, accusati di far parte di una organizzazione specializzata nel gestire immigrati irregolari. Gestiscono flussi finanziari delle comunità del Corno d’Africa, attraverso il sistema fiduciario Hawala.

C’è poi un terzo somalo, molto noto, l’avvocato Douglas Duale, uno dei tre difensori di Hashi Omar Hassan, prima condannato nel 2002 come componente del gruppo di fuoco che uccise Alpi e Hrovatin, poi assolto definitivamente nel 2017, dopo la conferma – venuta dalla trasmissione Chi l’ha visto – delle false accuse arrivate da un testimone fuggito in Inghilterra nel 1997, senza mai deporre in aula. A legare i tre è un passaggio di denaro, 40 mila dollari partiti dalla presidenza della Somalia all’inizio del 2012 e destinati all’avvocato Duale per il caso Hashi. Una prima tranche, affermano i due gestori dei money transfer, di una somma molto alta, 200 mila dollari. Nelle conversazioni uno dei due somali afferma, poi, che Ilaria Alpi “è stata uccisa da militari italiani”. Questi gli elementi nuovi che ora il Gip dovrà valutare, forniti tre giorni fa alla difesa della famiglia Alpi dalla Procura di Roma.

Riscontri, al momento, non ce ne sono. Le accuse agli italiani potrebbero essere semplicemente un sentito dire, una storia che si è ormai consolidata – anche grazie a tanti elementi ormai certi – nella cultura orale dei somali. Più concreto è quel passaggio di soldi, ma che, da solo, potrebbe essere non significativo.

Hashi Omar Hassan di certo nei suoi 17 anni in carcere non ha mai vissuto da detenuto ricco e di quella somma non sapeva nulla, ha assicurato. Poteva contare su 100 euro ogni tre mesi per le piccole spese. Quei 40 mila dollari – che vengono cambiati con 29.800 euro – potevano essere soldi raccolti tra le comunità somale o offerti dal governo di Mogadiscio – come si afferma nelle intercettazioni – per finanziare la sua difesa legale. “Sono senza parole – ha commentato Douglas Duale, sentito da Il Fatto –. Quei soldi, raccolti dalla famiglia di Hashi, sono serviti per spese della difesa”. L’avvocato poi aggiunge: “Conoscevo quelle intercettazioni, perché depositate in un processo di Catania dove difendevo dei somali. Non le ho mai considerate perché per me erano irrilevanti”.

C’è però di più. L’informativa risulta inviata per competenza alla Procura di Roma dalla Dda di Firenze alla fine del dicembre 2012. Il fascicolo, però, è ricevuto da piazzale Clodio solo cinque anni dopo, nel gennaio del 2018. Un tempo non spiegabile con le normali procedure giudiziarie. Cosa è accaduto in quei cinque anni? E dove si è fermato il fascicolo? Ora sarà il Gip a decidere che peso hanno queste nuove carte.

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Cronaca
Ostia, Litorale romano

Inviato di Report aggredito dal capo della Federbalneari

Un inviato di “Report”, Giorgio Mottola è stato aggredito ieri mattina dal presidente della Federbalneari Renato Papagni, al termine di una conferenza stampa che si è svolta ad Ostia. Lo documenta un video postato sul sito del programma di inchiesta di Rai3. “Il giornalista stava svolgendo l’inchiesta che Report sta realizzando sui balneari di Ostia – si legge sul sito – e sulla regolarità delle concessioni negli anni. Al termine della conferenza stampa di Federbalneari, dopo che l’inviato si era regolarmente accreditato, specificando testata e nome, il giornalista ha chiesto a Renato Papagni, titolare di una concessione demaniale per una delle più importanti e grandi spiagge di Ostia, Le Dune, come sia possibile che nonostante gli abusi e le irregolarità accertate rispetto alla gestione del suo stabilimento balneare non gli sia stata revocata la concessione. Papagni ha prima strattonato Mottola, poi lo ha aggredito verbalmente e nel momento in cui l’inviato di Report gli ha mostrato un foglio recante la fotografia satellitare dello stabilimento balneare che dimostrava le irregolarità e gli abusi commessi, il presidente gli ha strappato di mano il foglio e ha cercato di infilarglielo in bocca”.

Vignette

La vignetta di Beppe Mora del 21/04/2018

Cronaca

L’insegnante fa gli auguri a Hitler su Facebook

Da Amareno a Yogi, gli orsi della porta accanto
Cronaca
Marsica

Da Amareno a Yogi, gli orsi della porta accanto

di
“Il danno è incalcolabile”. Il crollo intasa il porto
Cronaca
La città divisa

“Il danno è incalcolabile”. Il crollo intasa il porto

di

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×