Dopo l’assessore, il capo di gabinetto. È il metodo Sala

È il “metodo Sala”. Sempre lo stesso, sia quando era a capo di Expo, sia ora che è sindaco di Milano. Giuseppe Sala divaga, aggiusta, dimentica. Non ricorda le sue proprietà, sistema le gare, forza le regole, plasma su misura le norme. Piccoli pasticci, niente (per ora) che abbia grave rilievo penale. Se deve farsi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.