È il “metodo Sala”. Sempre lo stesso, sia quando era a capo di Expo, sia ora che è sindaco di Milano. Giuseppe Sala divaga, aggiusta, dimentica. Non ricorda le sue proprietà, sistema le gare, forza le regole, plasma su misura le norme. Piccoli pasticci, niente (per ora) che abbia grave rilievo penale. Se deve farsi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Uk, la lezione che Renzi deve imparare

prev
Articolo Successivo

L’Italia non è un Paese razzista. Siamo tutti d’accordo?

next