Parlamentare da quasi 20 anni, ministro per 6, Theresa May, scelta dai Conservatori come capo del partito dopo le dimissioni di Cameron, ha fatto la sua visita di cortesia istituzionale alla Regina d’Inghilterra (memorabile quella di Blair nel 1997, immortalata nel film The Queen). In quanto capo del partito che ha la maggioranza assoluta dei […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Giustizia e minori: un futuro possibile

prev
Articolo Successivo

Dopo l’assessore, il capo di gabinetto. È il metodo Sala

next