Dopo il disastro di Pop Vicenza, Unicredit caccia l’ad Ghizzoni

Il capo della seconda banca italiana rimette il suo mandato. Pesa la maldestra operazione veneta, ma anche le difficoltà del gruppo. Scelte sbagliate ereditate dall’espansione dell’era Profumo
Dopo il disastro di Pop Vicenza, Unicredit caccia l’ad Ghizzoni

È un grande classico del sistema bancario italiano: si caccia l’amministratore delegato ma non si spiega perché. Da ieri sera Federico Ghizzoni inizia la fine della sua carriera come capo di Unicredit, la più grande banca basata in Italia, perché “sono maturate le condizioni per un avvicendamento al vertice del gruppo”. Che non vuole dire molto, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.