Dalle “toghe rosse” di B. al sottosegretario leghista: “Eliminiamo le correnti”

L’eterno ritorno - Inchieste e processi piacciono solo contro gli avversari. Anche a Renzi
Dalle “toghe rosse” di B. al sottosegretario leghista: “Eliminiamo le correnti”

“Sono toghe rosse”, diceva Silvio Berlusconi quando i magistrati lo mettevano sotto inchiesta. “È una sentenza politica”, dice Matteo Salvini quando i giudici ammettono il sequestro dei milioni di finanziamento pubblico che la Lega è accusata di aver ricevuto illegittimamente. “La magistratura si liberi delle correnti, specialmente quelle di sinistra”, dichiara il leghista Jacopo Morrone, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.