Cotarella, il mago del vino: “Salvimaio? Un lambrusco”

L’enologo - È il migliore al mondo per inventare nuove “bottiglie”: Vespa e D’Alema si sono rivolti a lui, l’ultimo cliente è un amico russo di Putin
Cotarella, il mago del vino: “Salvimaio? Un lambrusco”

Riccardo Cotarella è il più grande inventore di vini al mondo. Fisico asciutto, le sue guance sono insolitamente rotonde. Cotarella gusta e sentenzia centinaia di volte in una settimana. Non può mandare giù ogni assaggio. Così il vino passa da una guancia all’altra e basta. L’enologo italiano viene consultato da una cifra impressionante di aziende: […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.