Riccardo Cotarella è il più grande inventore di vini al mondo. Fisico asciutto, le sue guance sono insolitamente rotonde. Cotarella gusta e sentenzia centinaia di volte in una settimana. Non può mandare giù ogni assaggio. Così il vino passa da una guancia all’altra e basta. L’enologo italiano viene consultato da una cifra impressionante di aziende: […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Salvini ottiene l’appuntamento al Colle (e proverà a parlare dei soldi della Lega)

prev
Articolo Successivo

Uomo armato spara: storia dell’Arrighi

next