Contrordine, il software libero fa guadagnare tutti

Da qualche tempo le grandi corporation rinunciano alla proprietà dei codici e li condividono. E gli utenti li migliorano gratis
Contrordine, il software libero fa guadagnare tutti

“Nove aziende informatiche su 10 usano un software libero”, dice Stefano Zacchiroli, docente d’informatica all’università Diderot di Parigi. Il software open source è diverso, chiunque può usarlo e migliorarlo perché è senza proprietario, un bene comune. Milioni di programmatori collaborano senza compenso, violando la prima regola della scienza economica: l’uomo vuole arricchirsi. Linux, il sistema […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.