Conflitti d’interessi e cavilli ad personam, il pasticcio Piacentini

È il secondo azionista del Big Usa, era in Cina col premier ma non ha un incarico: manca il decreto. E spunta la manina
Conflitti d’interessi e cavilli ad personam, il pasticcio Piacentini

Conflitti d’interessi, malumori per grandi partite – dagli appalti pubblici al fisco – e un pasticcio normativo: la nomina di Diego Piacentini a commissario straordinario per l’Agenda digitale rischia di mettere in grave imbarazzo Palazzo Chigi e il suo sponsor Matteo Renzi. Piacentini, classe 1960, da 16 anni vicepresidente del colosso americano dell’e-commerce è approdato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.