Catania cade nel dissesto finanziario e criminale

La serrata imposta dai boss. Giovedì le saracinesche giù per l’inchino al funerale del figlio di un capo-cosca. E l’amministrazione Bianco adesso rischia il default
Catania cade nel dissesto finanziario e criminale

“Sbirra, io ti ammazzo, tu a domani non ci arrivi’’, urla la donna alla dottoressa del pronto soccorso del Vittorio Emanuele di Catania, “colpevole” di avere rispettato i protocolli di assistenza, mentre cerca di spingerle in bocca il referto medico, dopo avere distrutto il telefonino lanciato contro il muro davanti a vigilantes distratti, che non […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.