Bouhlel “jihadista imperfetto” e la rabbia di Nizza contro Valls

Il premier insultato durante il minuto di silenzio. Il 31enne aveva amanti anche gay. Solo negli ultimi tempi aveva cercato notizie su guerra santa e attentati

Il premier Manuel Valls sapeva cosa lo attendeva ieri a mezzogiorno, sulla Promenade des Anglais, per il minuto di silenzio in memoria delle 84 vittime. Sapeva che sarebbe stato fischiato e insultato. Quarantamila nizzardi ancora sconvolti, addolorati, spaventati. Arrabbiati. Così, hanno cantato, dopo il minuto di raccoglimento, la Marsigliese. Con le lacrime agli occhi. E […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.