Bibbia e pistole: Igor/Ezechiele “monaco” e “ninja”

Bibbia e pistole: Igor/Ezechiele “monaco” e “ninja”

Sulla cartina, Subotica sta lì, appesa all’estremo nord-est della Serbia. Città della Voivodina, dieci chilometri oltre l’Ungheria. Città dai cento nomi cambiati nei secoli. Da qui arriva Igor Vaclavic, anche lui abituato a cambiare nomi e a indossare identità diverse. Decine di alias e altrettante esistenze. Tutte costruite, nessuna vera. Igor il russo, ex uomo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.