Altri 63 morti in mare e 12 motovedette per la Libia

L’emergenza - Secondo naufragio in quattro giorni, allarme Onu sui campi “legali”: con 10 mila migranti sono al collasso
Altri 63 morti in mare e 12 motovedette per la Libia

Un altro naufragio al largo della Libia, stavolta davanti a Zuara e alle coste occidentali, dimostra che Tripoli è ancora in difficoltà nel controllo delle acque in cui partono gommoni e altre carrette del mare carichi di migranti che prima potevano contare sulle navi delle Ong. Nell’immensa area Sar (Search ad rescue, ricerca e soccorso) […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.