Acqua sprecata, serve un prezzo equo (non basso)

Il costo ridotto favorisce un cattivo uso, ma bisogna proteggere i più poveri con tariffe legate al reddito
Acqua sprecata, serve un prezzo equo (non basso)

Non c’è acqua, e tutti concordano che il motivo della scarsità sia più da ricercare più negli sprechi che nella scarsa pioggia (si perde il 30-40 per cento per quella per uso domestico, e non si sa quanto per l’uso principale, che è quello agricolo). Questi sprechi sono noti da decenni, ma non si è […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.