C’è un’irritazione evidente nell’entourage della sindaca di Roma Virginia Raggi. E c’è preoccupazione: “Sappiamo che non sarà facile, ma da oggi è guerra”, spiegano da ambienti vicini alla giunta. Si chiama Acea il pesante dossier pronto a esplodere, mettendo in gioco una delle cinque stelle, l’acqua pubblica. Ad aprire il fronte è la società romana con un comunicato di poche righe pubblicato questa settimana sul sito: dossier Acqualatina, i giochi sono fatti, prezzo di acquisto, 22 milioni di euro. L’espansione sul mercato idrico nel Centro Italia va avanti come un treno contro le speranze di ripubblicizzazione, strada che da mesi i sindaci e i comitati della provincia di Latina indicavano con forza e con atti di indirizzo, chiedendo di fermare l’acquisizione da parte della multiutility romana.

Dietro quel comunicato c’è un retroscena che il Fatto Quotidiano è in grado di ricostruire, segno di un braccio di ferro appena iniziato tra i vertici di Acea e la sindaca di Roma Virginia Raggi, una prova di forza che l’amministratore delegato Alberto Irace ha voluto. Una guerra per l’acqua nella Capitale, dichiarata forse non casualmente poco prima del voto referendario sulla Costituzione.

Per ricostruire quanto sta accadendo tra la società romana e la giunta Raggi occorre partire dalla scorsa estate, quando – come anticipato dal Fatto – la voce su un possibile acquisto del gestore idrico del Sud Pontino da parte di Acea diventa insistente. Circola anche il prezzo, una ventina di milioni, e i tempi per la chiusura dell’operazione, entro la fine del 2016. Acqualatina – che gestisce 38 Comuni e 270 mila famiglie – è da anni al centro delle contestazioni dei comitati, soprattutto di Aprilia, dove migliaia di cittadini continuano a pagare le bollette al Comune, contestando l’affidamento e gli aumenti senza precedenti.

Da quando lo scorso giugno alcune amministrazioni chiave – come Latina e Nettuno – sono cambiate, una ventina di sindaci hanno iniziato a chiedere una inversione di rotta decisa, con una ripubblicizzazione del gestore degli acquedotti. Veolia – la società francese proprietaria del 49% delle quote – ha sempre puntato a cedere la partecipazione ad Acea, uscendo da una situazione divenuta difficile ormai da tempo, in una zona dove i referenti politici sono cambiati. da qualche anno è stato chiamato ai vertici della società un tecnico considerato vicino al Pd e alla romana Acea, Raimondo Luigi Besson, l’autore, alla fine degli anni ‘90, della legge regionale del Lazio sull’acqua.

Lo scorso 17 novembre – dopo che le voci sull’acquisto venivano confermate da un intervento dell’ad della società romana, Alberto Irace – Virginia Raggi decide di intervenire: “Vi scrivo come socio di maggioranza detentore del 51% del capitale sociale”, è l’incipit di una lettera inviata al presidente di Acea Catia Tomasetti e all’amministratore delegato. Raggi solleva quattro perplessità sull’operazione di acquisizione di Acqualatina: “Il rilevante indebitamento”, “la deliberazione (…) della conferenza dei sindaci dell’Ato 4” che chiedevano di ridiscutere “il modello di gestione del servizio idrico”, “il debito pari a 23.289.000 euro verso i Comuni” di Acqualatina e “il decreto ingiuntivo del Comune di Nettuno contro Acqualatina (…) per la somma di 1.833.005 euro”. E infine il motivo più politico, ma di estremo peso: “Sarebbe opportuno tenere in considerazione la coerenza delle azioni da voi attivate con gli esiti della consultazione referendaria tenutasi nel mese di giugno 2011”. In altre parole, ricordatevi che c’è un voto popolare da rispettare. Alla fine la sindaca Raggi – che rappresenta il socio di maggioranza assoluta – chiede due cose: “Si richiede di fornire (…) il documento di due diligence” dell’operazione in corso e “la sospensione in via cautelativa” dell’acquisizione. Un messaggio chiaro e diretto, protocollato da Acea lo scorso venerdì, come ha potuto verificare il Fatto. Che accade? Nulla, fino a questa settimana.

Virginia Raggi legge il comunicato di Acea che annuncia la chiusura del contratto preliminare di acquisto del gestore idrico del Sud Pontino quando lascia una riunione – prevista da tempo – con i comitati romani per l’acqua pubblica. La risposta del management della principale controllata del Comune di Roma è chiusa in quelle righe asettiche, pubblicate sul sito nella sezione “Azionisti”. In altre parole: cara sindaca, decidiamo solo noi.