“6.000 euro per 500 voti”: ogni promessa è schiaffo

“6.000 euro per 500 voti”: ogni promessa è schiaffo

“Vuoi arrivare fino alla fine?”. Sono le 7:30 di ieri mattina quando una candidata della lista Progressisti (nella coalizione del sindaco Enzo Bianco) si sente fare questa domanda davanti al proprio ufficio, centro di Catania. Rimane interdetta, non capisce a cosa si riferisce il ragazzo, 20 anni circa, esile, con indosso una maglietta a righe […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.