Aspettando (si spera) il Ddl Zan

Uomini, donne e il resto del mondo: la tronista trans e le domande ignoranti sul genere

Ha destato molto scalpore la scelta di Maria De Filippi di portarla in trasmissione, ma la cosa più imbarazzante (anche per lei) è stato assistere a domande tipo “Tu puoi avere figli? Non so come funziona”. Abbiamo chiesto a Eva Croce (“una felice ragazza pelata sulla cinquantina”) e Christian Leonardo Cristalli (presidente di Gruppo Trans APS) quali sono i pregiudizi duri a morire: “Innanzi tutto il linguaggio. Transessuale si porta dietro un concetto patologico. È preferibile transgender. Anche perché si interviene sul genere, non sul sesso”

Di Angelo Molica Franco
Il coraggio delle idee

Francesca Vecchioni: “Ciò che non si nomina non esiste, non parlare di identità di genere è negazionismo”

Presidente di “Diversity” e ideatrice dei “Diversity Media Awards”, il 20 luglio a Milano ha premiato i contenuti e i personaggi “che si sono distinti per una rappresentazione valorizzante della diversità”. E A Parole Nostre afferma: “Si inizia dall'educazione nelle scuole. Spieghiamo la fotosintesi clorofilliana e non spieghiamo che esistono le persone, il genere, l'orientamento sessuale, la transizione, la parità. Per questo non si può arretrare di un solo passo sul Ddl Zan”

Di Angelo Molica Franco