SU FQ EXTRA 81 minuti

I Fridays For Future interrogano la politica sull’ambiente

La nuova redazione digitale del Fatto Quotidiano ha ospitato il confronto tra i rappresentanti del movimento di lotta contro il cambiamento climatico e tre esponenti delle forze politiche in corsa per le elezioni del 25 settembre: Livio De Santoli (M5S), Nicola Procaccini (FdI) e Giuseppe Provenzano (PD)

Di FQ EXTRA
13 Settembre 2022

Su richiesta del movimento ecologista Fridays For Future, abbiamo organizzato un confronto (che grazie a TvLoft potete vedere interamente su FQ Extra e sul fattoquotidiano.it) tra i gli attivisti del movimento – Sara Sessa, Martina Comparelli e Emanuele Genovese – e tre rappresentanti politici: Livio De Santoli, prorettore per le Politiche energetiche della Sapienza e candidato con il M5S, Nicola Procaccini, parlamentare europeo e responsabile Ambiente di Fratelli d’Italia e Giuseppe Provenzano, vicesegretario del Pd.

Gli ospiti non si sono sottratti alle domande dei giovani, a quelle di Salvatore Cannavò e di Elisabetta Ambrosi, senza però alla fine riuscire a convincere i giovani ecologisti.

Sessa
La prima domanda riguarda i rigassificatori. In Italia ce ne sono già tre, due dei quali lavorano a capacità ridotta, circa il 26%. Sono proposti come una risposta al caro bollette, ma Snam ha dichiarato che entreranno in funzione dopo l’inverno. L’Italia dovrebbe decarbonizzare entro il 2030-2035, quindi investire altri soldi per nuove strutture legate al gas, oltretutto molto costose, è davvero un’assurdità. Pensate che abbia senso puntare su questi rigassificatori?

FQ
La parola a Procaccini, ricordando che il sindaco di Piombino, città scesa in piazza contro il rigassificatore, è di Fdi.

Procaccini
Il sindaco giustamente tutela la città che lo ha eletto, Giorgia Meloni si candida a presidente del Consiglio e deve tenere in considerazione elementi in più. La transizione è un percorso, pensare che dall’oggi al domani si possa fare a meno di energia proveniente da fonti fossili può produrre un danno persino maggiore. Ma sono d’accordo che il gas liquido presenta dei costi economici e ambientali, la transizione ha come fine le energie rinnovabili. Nel mix energetico di cui ha bisogno, in Italia c’è però bisogno di una pluralità di fonti.

(Continua a leggere)

IL CONFRONTO CON IL M5S – Conte incontra Fridays For Future e Extinction Rebellion

L’INCONTRO CON DE MAGISTRIS – Fridays for Future promuove De Magistris e Unione popolare

LE DOMANDE PER LETTA – Fridays: rigassificatori e rinnovabili, le contraddizioni del Pd

GLI INSEGNANTI CON GLI STUDENTI – In piazza anche Teachers For Future: le richieste alla politica

GUARDA – Le rinnovabili sono necessarie. Ma l’Italia punta su gas e petrolio

GUARDA – Chi sono gli attivisti di Extinction Rebellion

ASCOLTA – Clima, che fare? Mercalli e Ambrosi, dialoghi sull’ecologia

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione