Cartoline d’autore

Divina Alessandria, centro lirico dei piaceri sfrenati di Kavafis

Grecità - La città egiziana era un melting pop. Centro dell’Ellade meticcia, era un luogo di indigenze e perdizioni

Di Filippomaria Pontani
18 Agosto 2022

“Qui le cose il tempo le distrugge, non le invecchia… Sopra il suolo, di ritto non è rimasto che una colonna romana”. Così Giuseppe Ungaretti, che ci era nato nel 1888, parlava di Alessandria d’Egitto, riferendosi alla colonna di Pompeo sulla collina del Serapeo, un luogo che ancor oggi si raggiunge fendendo quartieri poverissimi pieni […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 9,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.