Lettera da Londra

BoJo tolte le catene della Ue è diventato l’ancella di Biden

Il Primo ministro ora è il principale promotore, in Europa, dei nuovi equilibri pro Nato. E sulla crisi con l'Irlanda il Congresso Usa manda emissari per far rigare dritto il capriccioso governo britannico

13 Maggio 2022

Sovranità, where are thou? Vi racconto ormai da settimane dell’attivismo di Boris Johnson a supporto dell’Ucraina, e ne abbiamo anche analizzato motivi e convenienza. Ma il ruolo di Johnson va oltre il sostegno nazionale: il Primo ministro ora è il principale promotore, in Europa, di nuovi equilibri pro Nato, anche nel tentativo evidente e comprensibile […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 9,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione