In altre parole

Vasilij Grossman: “In tutto quest’orrore è la bontà che resiste”

Il personaggio - Giornalista e scrittore. Il paradosso di un classico del 900, prima esaltato dal comunismo, poi censurato

Di Crocifisso Dentello
16 Aprile 2022

La parabola letteraria di Vasilij Grossman, scrittore di origine ucraina nato nel 1905 e morto di cancro a Mosca nel 1964, si avvia a una piena canonizzazione – lui che ha consacrato la sua vocazione di scrittore contro gli orrori della guerra – sotto i colpi di artiglieria di un nuovo ennesimo conflitto, per di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 9,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Gentile utente ti informiamo che gli articoli 4 e 6 delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori” relativi, in particolare, all’accesso ai contenuti e alle notizie pubblicate sul sito sono state modificati.

Ti invitiamo quindi a prendere visione della nuova versione delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori”, cliccando qui