Diritto e ambiente

“Il Pitesai è illegittimo”: il coordinamento No Triv ora punta sui Comuni

Le prossime mosse - Il Piano per la transizione energetica sostenibile delle aree idonee ha da poco visto l'ok delle Regioni che, secondo gli attivisti, si sono piegate al volere del ministero. Ora si attende la pubblicazione del documento finale per poi impugnarlo: agli enti locali è stata resa nota la volontà di adire le vie legali

Di Maria Cristina Fraddosio
19 Gennaio 2022

Dopo la “disfatta” delle Regioni, il Coordinamento No Triv punta dritto ai Comuni per fermare il Piano per la transizione energetica sostenibile delle aree idonee (Pitesai). Secondo gli attivisti, l’intesa con lo Stato, raggiunta in Conferenza unificata a dicembre con un emendamento al testo, può ancora essere impugnata. Il documento, atteso da anni, avrebbe dovuto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.