Diritto e ambiente

Xylella, da Cisternino un’alternativa all’eradicazione degli ulivi

Progetto pilota - La decisione della giunta comunale è arrivata dopo l’ordinanza di abbattimento di 521 piante emessa a novembre. Al momento la Regione non si è ancora espressa. È la prima volta che un ente pubblico si oppone a quello che gli ambientalisti definiscono un “ecocidio”

Di Maria Cristina Fraddosio
19 Gennaio 2022

La xylella, il batterio ritenuto responsabile del disseccamento degli ulivi pugliesi, tiene ancora alta l’attenzione. Si continua ad abbattere senza sosta gli alberi infetti e quelli in prossimità. A dissentire però non sono più soltanto gli attivisti, che denunciano da tempo un vero e proprio ecocidio in corso. Nel brindisino per la prima volta è […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.