Berlusconi al Quirinale? No, grazie

A bocca asciutta con Conte, in fuga dal virus e dai processi

34ª puntata, il "biennio nero" - Nel 2018 col M5S al governo non tocca palla. Pure da Nizza traffica per l’impunità. Però a Roma c’è sempre chi lavora per lui

15 Gennaio 2022

2018, 1° giugno. Quasi tre mesi dopo le elezioni, nasce il governo Conte sostenuto da M5S e Lega. Per la prima volta nella sua storia, Berlusconi è fuori da tutti i giochi e senza poteri di ricatto per i suoi affari: Giustizia e Telecomunicazioni vanno ai nemici Alfonso Bonafede e Luigi Di Maio. Infatti in […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Ti potrebbero interessare