Ignazio Marino non si è dimenticato di chi l’ha fatto fuori nel 2015. E tra i sicari che il 30 ottobre firmarono davanti a un notaio – invece che in Aula – la sua cacciata dal Campidoglio e la rivale Virginia Raggi, l’ex sindaco di Roma ha perdonato la seconda. Anzi, il lungo post che […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

La vignetta di Natangelo

prev
Articolo Successivo

Giorgia fa partire il nastro, ma scambia i No Vax di destra per i centri sociali

next