Padre Antonio Spadaro, gesuita e intellettuale, vive e opera su una collinetta che guarda a ovest Trinità dei Monti. Mi riceve un sabato mattina di settembre e mi conduce per via di una architettura escheriana all’apice di una scala attorno al cui ballatoio sono le stanze de La Civiltà Cattolica, la rivista che dirige, e, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

I liberali danno una scoppola agli islamisti moderati del Pjd

prev
Articolo Successivo

Gli aforismi del dott. Freud: “I miei malati? Minorati sessuali”

next