Da un lato c’è la difficoltà delle aziende sanitarie ad affrontare la riorganizzazione del servizio necessaria a tappare i buchi lasciati dagli operatori no vax che devono essere sospesi. Dall’altro, reti informative regionali che non dialogano tra di loro, trasformando così il procedimento di verifica in un colabrodo. Il risultato è che a oltre cinque […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Draghi ordina, Salvini si piega: adesso più Green pass per tutti

prev
Articolo Successivo

Vaccini ai Paesi poveri, deciderà il G8 Finanze

next