Il cashback finanziato dal governo giallorosa con 4,7 miliardi di euro per incentivare l’uso di carte e app di pagamento è stato sospeso per 6 mesi dal governo Draghi, perché ritenuto una misura costosa e regressiva. Eppure sul successo dell’iniziativa e sul gradimento da parte degli italiani c’era già stata la prova di dicembre. Peccato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Badanti sfruttate e “rese schiave”. Potenza, sei fermi

prev
Articolo Successivo

Napoli: “Guardi, ho vinto 500 mila euro” Il tabaccaio intasca il Gratta&Vinci e scappa

next