“Sono un ragazzo, un cittadino come tanti, una persona indignata”. È l’inizio della lettera che un giovane foggiano ha inviato alla redazione del quotidiano online l’immediato.it con la quale ha denunciato l’inquietante situazione che si ritrova quasi abitualmente a vivere nelle serate trascorse nelle vie del centro foggiano con i suoi amici. Nella missiva inviato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Dalla Calabria un diluvio di eroina piove sulla Capitale: il nuovo romanzo di Piernicola Silvis

prev
Articolo Successivo

Il governo dei migliori produce la deroga alla norma su sicurezza e tutela ambientale

next