Chiediamo scusa se abbiamo irritato Draghi, rovinandone l’aplomb internazionale, con la nostra insistenza per la cacciata del sottosegretario Durigon. Il quale dimettendosi ha tenuto a sottolineare di non essere fascista, da cui discende che il desiderio da lui espresso di una intitolazione di un parco di Latina al fratello tangentista di Mussolini era evidentemente l’espressione […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Con l’Afghanistan addio pure all’alleanza Nato

prev
Articolo Successivo

Reddito universale o di cittadinanza per salvare la dignità

next