E se la transizione energetica, che promette di liberarci per sempre da fonti fossili e finite, grazie all’energia pulita e rinnovabile, ci riconsegnasse invece proprio a un’inquinante economia estrattiva, con conseguenti tensioni – se non conflitti – di natura geopolitica? È la tesi radicale di un giornalista francese, Guillaume Pitron, autore di un saggio, La […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Un Giro d’Italia ambientalista attraverso l’Appennino, prima tappa del turismo sostenibile

prev
Articolo Successivo

L’impatto del report dell’Onu sulla Cop26 di novembre: la conferenza parte già zoppa

next