Sotto l’ombrellone

Da Risi e Citti a Garrone, il cinema nostrano ha il “Sapore di mare”

“Ultima spiaggia” del professor Uva racconta il particolare rapporto tra film e litorale, nei maestri neorealisti come nelle “beach comedy” cafone

6 Agosto 2021

“Passammo l’estate su una spiaggia solitaria e ci arrivava l’eco di un cinema all’aperto”. Ha fatto bene Christian Uva a evocare il compianto Franco Battiato in esergo al suo libro L’ultima spiaggia. Rive e derive del cinema italiano (Marsilio): vi contiene la magia di un binomio di per sé legato all’immaginazione, al sogno popolare, financo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 9,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.