Giuseppe Conte è fresco di quorum raggiunto sul suo Statuto, e non era affatto scontato. Per di più, venerdì sera verrà eletto capo, anzi presidente del Movimento. Ma l’ex premier è ugualmente irritato, parecchio, e subito dopo la sua elezione formale nel M5S arriveranno espulsioni: almeno due. Non gli è andato giù quel voto finale […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

L’imputato Sammartino: clientele e voti passano da un Matteo all’altro

prev
Articolo Successivo

“Migliorie sulla mafia, ma l’improcedibilità è un favore ai corrotti”

next