Equivoci pericolosi. “Marco Travaglio le ha detto del nostro trascorso?”. È una rivelazione. “Non sentimentale! Di lavoro: eravamo due giovincelli a inizio carriera, entrambi alle prese con il pallone. E spesso, a Torino, sedevamo accanto per vedere la partita. Lo sport è una bella scuola di giornalismo”. Simona Ventura, tra un decollo pratico (“Sto partendo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Amatrice, ecco l’auditorium per riportare la speranza

prev
Articolo Successivo

Jacobs come un cannone, al resto serve un esorcista

next