Per la Procura di Roma alcuni dei rapporti contrattuali tra Matteo Renzi e la Arcobaleno Tre srl (la società di cui è amministratore unico Niccolò Presta, figlio di Lucio, l’agente dei vip) sarebbero “fittizi” e nasconderebbero un presunto finanziamento alla politica. E per confermare questa, che al momento è un’ipotesi di indagine, per gli investigatori […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

L’intelligenza artificiale anti-covid

prev
Articolo Successivo

Intercettazioni e segreto di Stato: così Bergoglio ha incastrato Becciu

next