Afuria di ripetere da due mesi che “la prossima settimana sarà quella decisiva per la riforma degli ammortizzatori sociali”, siamo arrivati a fine luglio senza che le parti al tavolo, sindacati in primis, abbiano ricevuto alcuna bozza di testo. E soprattutto con il delinearsi di uno scenario ben più realistico: tutto rimandato all’autunno, con la […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Stellantis, nuovo debito da 12 mld: si slega le mani dagli aiuti italiani

prev
Articolo Successivo

Gkn, in strada i licenziati di Draghi

next