I colloqui fuorilegge delle donne al comando: “Vuoi avere figli?” Cara Selvaggia, ho letto la lettera della scorsa settimana, quella della lavoratrice mandata a casa dopo la fine del blocco dei licenziamenti per via di una colpa non detta: avere un figlio. Parole Dolorose. Ci sono dei però. Sono socio di un’azienda e spiegherò dettagli […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

La sai l’ultima?

prev
Articolo Successivo

Ricordare Borsellino. Le “formiche” sfilano con Beppe Sala (per far tacere le “cicale”)

next