Prima, il no all’isolamento, con la promessa di sottoporsi a test quotidiani. Poi Boris Johnson ci ripensa e si mette in quarantena. A far fare dietrofront al premier britannico – che è più volte entrato in contatto con il ministro della Salute, Sajid Javid, risultato positivo al Covid, sono state le polemiche e gli attacchi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Il Sid, le trame e i neofascisti: a quasi 100 anni è morto Maletti

prev
Articolo Successivo

“Il Bello, il brutto, e il mistero glorioso dell’uomo politico”

next