Dai racconti apocrifi di Auguste de Villiers. Quando Napoleone divenne console a vita nel 1802, inviò tre giovani ambasciatori a Istanbul per stabilire buoni rapporti col sultano. I tre erano Gorges Cassin, un abile mercante, a volte distratto; il visconte d’Annecy, un valoroso veterano della campagna d’Italia; ed Emile le Breton, un ottimo funzionario statale. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Un falso green pass costa 50 euro

prev
Articolo Successivo

Meloni e Orbán, “patrioti” con destinazione ignota

next