Anticipiamo uno stralcio de “Le celebrità”, pièce del 1976 BASSO: Oggi si canta dalla catena di montaggio/ tutti cantano e recitano dalla catena di montaggio/ (prende in mano un osso di fagiano) un’unica gigantesca fabbricazione di massa/ pseudomusicale/ (guarda l’ora) La Gundi mi pianta in asso/… Tra Salisburgo e Bayreuth/ pian piano ma inevitabilmente tutto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Cannes al tempo del Covid: “Gli sputi sopra sono per noi”

prev
Articolo Successivo

Il doppio agente Klaus: politologo e spia per la Cina

next