Quando si dice il destino: con il Belgio, all’Europeo del 2016, nacque il “Contismo”, branca del sapere filosofico-calcistico. Antonio Conte era il Ct, si giocava a Lione, fu il battesimo: 2-0, acuti di Emanuele Giaccherini, detto Giaccherinho, e Graziano Pellé. Reduci dal campo, tre: Leonardo Bonucci, Ciro Immobile e Giorgio Chiellini, infortunato. Tra i nostri […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Chanel nº 5 l’odore degli imperi

prev
Articolo Successivo

“Mentre passiamo bruciando”: ritratto della generazione che voleva tutto

next