La chiave di volta dell’inchiesta della Procura di Genova sul crollo del Ponte Morandi è un software importato direttamente dagli Stati Uniti e usato dall’Fbi. Un mega cervellone che la polizia federale americana ha usato in indagini delicatissime sul riciclaggio internazionale e la criminalità organizzata. E che gli investigatori impegnati nelle indagini sul fronte Morandi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Ponte Morandi, nelle conversazioni del 2017 del dirigente Aspi la consapevolezza sul rischio crollo: “Qui se famo male, quello va de sotto” – AUDIO

prev
Articolo Successivo

L’annoiata Margot, il marito chiacchierone e il locandiere dotato

next