Il grillino della prima ora giura che sì, ci crede nel nuovo Movimento: “Il M5S è sempre cambiato, nel 2013 era già molto diverso da quello del 2010. Stando al governo abbiamo imparato tante cose e ci abbiamo rimesso sul piano del consenso, ma abbiamo anche realizzato molti punti di programma. E ora possiamo crescere”. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Roma, Pd di sollievo. In 45 mila salvano le primarie dal flop

prev
Articolo Successivo

Bologna, 25 mila ai gazebo. Italia Viva manca la spallata

next