Racconta Milan Kundera nell’Arte del romanzo che verso la fine degli anni Sessanta il suo libro Lo scherzo iniziava a esser tradotto nelle maggiori lingue occidentali. Un giorno incontrò uno dei suoi traduttori e, dopo aver tentato di parlare nella sua lingua madre, si rese conto che costui si barcamenava a fatica tra pochissime parole […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

“A Genova c’era un piano per reprimere i no global”

prev
Articolo Successivo

Il Pianeta invaso dalle capsule per il caffè, perchè bisogna restate fedeli alla moka

next